stipsi cronica o stitichezza - fitoprostata.org

Vai ai contenuti

Menu principale:

stipsi cronica o stitichezza

La prostatite > Miscellanea
Pagina precedente
Sintomi della prostatite



Le innumerevoli aggiunte di informazioni,  effettuate in progress , per garantire aggiornamento continuo, hanno creato un sito veramente completo, ma vasto. Per orientarvi abbiamo fornito una mappa  che vi aiuterà nella consultazione delle sessioni trattate

MAPPA DEL SITO

Pagina successiva
Terapia prostatite: gli antibiotici
Fibracol bustine 14 bustine (Sinbiotico) On LIne Euro 11,50
1 BUSTINA AL GIORNO DISCIOLTA IN ACQUA
ACQUISTA FIBRACOL IN FARMACIA EURO 14.00
ACQUISTA ON LINE AD EURO 11.50

NESSUNA  SPESA DI SPEDIZIONE
ACQUISTO SICURO CON PAYPAL


Spedizione con poste prioritaria italiana

Stipsi cronica o stitichezza


Che cos'è la stitichezza cronica ?
La stitichezza è un sintomo che ha un differente significato per diverse persone.Tante volte si attribuisce alla scarsa frequenza dei movimenti intestinali, ma potrebbe anche riferirsi ad una riduzione nel volume o nel peso, al bisogno di spingere durante la defecazione, alla sensazione di evacuazione incompleta, o alla necessità di clisteri, supposte, lassativi, per "sentirsi" regolari.
La maggior parte della popolazione accetta, come criterio di normalità, che l'atto della defecazione possa accedere con una frequenza variabile da tre volte al giorno a tre volte la settimana; ci sono alcune persone che riescono ad andare avanti per una settimana intera senza riferire alcun fastidio o effetti dannosi. I movimenti intestinali e la defecazione sono regolati anche dalla dieta. La dieta normale in ognuno di noi include dai 12 ai 15 grammi di  per giorno, anche se sono raccomandati dai 25 ai 30 grammi di fibre e circa due litri di acqua al giorno per assicurare il normale movimento intestinale. L'esercizio fisico è consigliato per aiutare il movimento normale del colon.Circa 80% della popolazione riferisce stitichezza qualche volta nel corso della vita e periodi brevi di stipsi sono normali. La stipsi può essere diagnosticata se i movimenti intestinali e la defecazione avvengono con una frequenza inferiore a tre volte la settimana, durante un arco di tempo molto lungo. La credenza diffusa, che tutti dovrebbero espletare una defecazione almeno una volta al giorno, ha portato all'abuso scriteriato di lassativi.Introducendo con l'alimentazione molte fibre come crusca, cereali, seme di grano e alcuni tipi di frutta e verdura, si potrà raggiungere la quota consigliata di 25-30 grammi di fibre, raccomandati per l'ottimale funzionamento dell'.

Quali sono le cause?
Ci potrebbero essere parecchie o simultanee cause per la stipsi, includendo un inadeguato apporto di fibre ed acqua, una vita sedentaria e variazioni ambientali.La stipsi può essere accentuata durante un lungo viaggio, nel periodo della gravidanza o da cambiamenti nel regime dietetico. In certe persone può anche essere causato dal rimandare ripetutamente l'atto della defecazione.Le cause più serie di stipsi inclusi la crescita di neoformazioni o di restringimenti all'interno del grosso intestino. Per questo motivo è molto prudente consultare un chirurgo colo-rettale quando la stipsi persiste per un certo tempo. La stipsi è, se pur raramente, un sintomo di sclerodermia, lupus, disordini del sistema nervoso od endocrino, incluso le malattie tiroidee, la sclerosi multipla, il morbo di Parkinson, i traumi da midollo spinale.

Ci sono farmaci che determinano la stipsi?
Sì! Molti farmaci di uso comune possono causare o peggiorare la stipsi; tra questi includiamo: antidepressivi, tranquillanti e altre medicine psichiatriche, anti-ipertensivi, farmaci che contengono ferro e alluminio, come negli antiacidi.Inoltre, molte persone che non hanno problemi di stipsi all'origine, possono diventare dipendenti dai lassativi, per la falsa credenza di assicurare una defecazione una volta al giorno e determinare, in un lungo periodo, una stipsi da abuso di lassativi.

Quando è giusto andare dal medico per problemi di stipsi?
Per qualsiasi cambiamento nella frequenza della defecazione - aumento o diminuzione, dimensione della massa fecale, o una aumentata difficoltà nella fase terminale dell'evacuazione - è raccomandabile avere un suggerimento medico. Quando i sintomi della stipsi persistono per più di tre settimane è opportuno incontrare il proprio medico curante .Se invece si notano alcune tracce di sangue nelle feci, consultate immediatamente il vostro chirurgo colo-rettale.

Come si fa a determinare la causa della stipsi?
La stipsi può essere causata da molti fattori, ma è molto importante identificarli, in quanto ogni causa ha un trattamento specifico. Il vostro medico vi controllerà per qualsiasi variazione anatomica, come nel caso della presenza di neoformazioni o restringimenti (stenosi) all'interno del colon.L'esplorazione digitale della zona ano-rettale è, solitamente, il primo ed importante passo. E' relativamente semplice e può essere un indizio probante a scoprire la causa.L'indagine endoscopica del grosso intestino, mediante Colonscopia, o lo studio radiologico, mediante Rx-Clisma opaco, escludono la presenza di condizioni serie (che determinano stipsi), come polipi, tumori e la malattia diverticolare del colon.Se viene evidenziato un problema anatomico, la terapia è rivolta a correggere questa anormalità.Altri esami diagnostici possono identificare particolari cause funzionali.Per esempio, lo Studio del tempo di transito intestinale: il paziente viene invitato ad ingerire alcune capsule, contenenti markers radio-opachi, che vengono evidenziate nelle radiografie eseguite nei giorni successivi, al fine di determinare l'eventuale esistenza di rallentamenti nell'attività muscolare della parete intestinale.Specifici esami indagano la fisiologia della zona ano-rettale. Questi esami possono includere la valutazione dei riflessi della muscolatura dell'area ano-rettale, che condizionano l'atto della defecazione (Manometria Ano-Rettale - si usa un piccolo catetere di plastica), o una radiografia per valutare la funzione della giunzione ano-rettale durante la defecazione (Rx-Defecografia).In molti casi, però, non si riesce ad identificare alcuna causa, sia anatomica che funzionale e il problema della stipsi rimane irrisolto e viene definita "idiopatica".

Come viene curata la stipsi?
La maggioranza delle persone con stipsi è trattata con successo, solo aggiungendo alimenti ad alto contenuto in fibra, come crusca, legumi, frutta, vegetali, ed includendo l'ingestione di una discreta quantità di acqua; l'integrazione dovrebbe avvenire anche tramite l'assunzione di NORMOSEN (associazione naturale di folgie di senna, liquirizia, finocchio...).[disponibile solo in farmacia) Il tuo medico potrebbe essere il tuo consigliere nell'adottare questi necessari cambiamenti nello stile della propria alimentazione.
Supplementi di fibre (contenenti fibre vegetali non digeribili) sono raccomandati e possono produrre molti benefici oltre a determinare un netto miglioramento della stipsi;
aiutano ad abbassare il colesterolo, a regolare la glicemia e il livello di acidi biliari, a ridurre il rischio di sviluppare polipo del colon e cancro, ed inoltre possono aiutare a prevenire le emorroidi sintomatiche.Affinché si raggiunga un risultato ottimale, l'uso delle fibre vegetali deve essere protratto per molte settimane, anche mesi, con il vantaggio di non essere dannose né di creare l'abitudine, come invece fanno determinati lassativi irritanti.
La brea ha inserito come pre e probiotico, il FIBRACOL bustine , da assumere 1 bustina al giorno per un periodo di  15 /30 giorni
Gli altri lassativi, clisteri, o supposte dovrebbero essere usati solo quando raccomandati e utilizzati sotto la sorveglianza del chirurgo colo-rettale.Individuare una specifica ora del giorno per espletare l'atto della defecazione potrebbe essere anche molto utile ad alcuni. In certi casi, la Riabilitazione del pavimento pelvico, mediante Bio-Feedback, aiuta il paziente a riprendere il
giusto uso e l'opportuna coordinazione della muscolatura ano-rettale. Solo in casi rari è necessaria una terapia chirurgica per il trattamento della stipsi.Il tuo chirurgo colo-rettale potrà discutere queste possibilità con te in maniera approfondita e determinare la migliore terapia.


RIPRENDITI LA TUA FUNZIONE INTESTINALE


FIBRACOL bustine
1 bustina la di per 15 giorni

ACQUISTA FIBRACOL IN FARMACIA EURO 14.00
ACQUISTA ON LINE AD EURO 11.50

Fibra di Guarr

Fibracol è un integratore alimentare di fibra PHGG, ottenuta dall’idrolisi parziale della gomma di Guar, una pianta tipica dell'India e del Pakistan.La fibra vegetale PHGG (Partially Hydrolyzed Guar Gum), ha ottime proprietà che favoriscono la normalizzazione del transito intestinale in caso di numerose patologie intestinali (diverticolosi del colon , diarrea, spasmi, intestino irritabile ).
L’introduzione di molecole d'acqua (idrolisi), mediante un enzima chiamato Mannanasi, riduce la lunghezza e il peso molecolare della gomma di Guar e la rende una fibra dalle proprietà uniche: rimane sempre liquida e di conseguenza non provoca i tipici inconvenienti propri delle altre fibre, ad esempio psyllium e crusca (gonfiore, flatulenza, meteorismo).


Fermenti lattici



Fibracol
associa ai benefici effetti della  fibra di guar i  fermenti lattici  (bifidobatteri e lactobacilli ) , batteri utili che contrastano i batteri patogeni cattivi , contribuendo  così alla ricomposizione della flora batterica intestinale.


Aloe Barbadensis
Fibracol contiene anche Aloe Barbadensis . Difatti una   delle principali indicazioni all’uso della Aloe è il trattamento della stipsi funzionale  dell’adulto.
L’azione lassativa e di
tipo stimolante la peristalsi intestinale.  L'azione di queste sostanze è massima a livello del colon sinistro e del sigma. Qui essi inibiscono l'attività ATP asica Na-K dipendente degli enterociti provocando una riduzione del riassorbimento dell'acqua, del sodio e del cloro e un aumento della secrezione del potassio da parte della mucosa del grosso intestino, anche se questo meccanismo non sembra essere molto importante per l'azione lassativa. Paiono inoltre capaci di ridurre la sintesi delle prostaglandine, in particolare quelle della classe E, che sono implicate nel trasporto dell'acqua e degli elettroliti.



Glicine max (Soia)

La soia e’  ricca di isoflavonoidi . La sua presenza in Fibracol ha il compito di riequilibratrice della flora batterica. Difatti gli isoflavonoidi strimolano la crescita dei bacilli buoni ripristinando la normale flora batterica.




UROLOGI IN ASCOLTO

SERVIZIO DELLA BREASRL  PER TUTTI I PAZIENTI
CON PROBLEMATICHE UROLOGICHE
Consulta
gratuitamente e senza impegno i nostri SPECIALISTI disponibili
on line 24 ore su 24 per ottenere qualsiasi
informazione sulla tua patologia
ed ogni chiarimento sui prodotti fitoterapici ed il loro utilizzo.



 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu