La prostatite - fitoprostata.org

Vai ai contenuti

Menu principale:

La prostatite

La prostatite
Pagina precedente
Da dove vengono le infezioni nella prostatite ?
Pagina successiva
Cause della prostatite
 

La prostatite è l'infiammazione della ghiandola prostatica.  Abbastanza frequente , ma spesso poco chiara, raramente colpisce i giovani in età prepuberale, mentre è spesso presente negli uomini adulti.
C'è prostatite e prostatite: basti pensare  che se siamo di fronyte ad una situazione infiammatoria (cioè una prostatite acuta di categoria I), questa infiammazione può rendere  il tessuto prostatico permeabile a molte molecole antibiotiche che invece non riuscirebbero a penetrarvi in condizioni di normalità  o quando sia in atto una flogosi cronica, (Prostatite di categoria II).
Questa è la grande peculiarità della infiammazione prostatica. Non ne esiste una uguale all'altra ed è variabile per sintomi, per diagnosi, per terapia da soggetto a soggetto.
Un corretto atteggiamento clinico e terapeutico sarà  possibile solo quando il medico avrà  posto una diagnosi  specifica  ed avrà  impostato una corretta strategia terapeutica tra le decine possibili.

Quanti tipi di prostatite  esistono ?

La prostatite interessa almeno un terzo della popolazione maschile ogni anno, ma forse anche una percentuale maggiore; il disturbo difatti risulta sottostimato dal fatto che c'è una carenza di controlli precoci ed un ricorso allo specialista urologo solo quando compaiono quei sintomi invalidanti maggiori che riguardano la funzione sessuale (ejaculazione precoce o deficit erettivo) o la fertilità.
Questo fa indurre accertamenti con ritardo  e terapie solo in caso di condizioni infiammatorie acute. Attualmente la classificazione più recente prevede una tassonomia delle prostatiti sulla  base del grado di infiammazione ed ai segni clinici  (disfunzioni urinarie presenti all'anamnesi)  : Il  National Institutes of Health (NIH) ha proposto la seguente classificazione delle prostatiti, accettata e utilizzata a livello internazionale:

Categoria I (Prostatite acuta batterica, ABP) .
Infezione acuta della ghiandola prostatica.

Categoria II (Prostatite cronica batterica, CBP)

Infezione cronica e ricorrente della ghiandola prostatica, con sintomatologia dolorosa, frequentemente associata a disturbi della minzione e disfunzioni della sfera sessuale.

Categoria IIIa (Sindrome dolorosa pelvica cronica infiammatoria, CPPS)
Stato infiammatorio cronico della prostata con presenza di un elevato numero di leucociti nel secreto prostatico, nell'urina o nello sperma dopo massaggio prostatico. Presenta una sintomatologia simile a quella osservata nella categoria II in assenza di una dimostrata infezione batterica.

Categoria III b (Sindrome dolorosa pelvica cronica non infiammatoria, CPPS)
Stato infiammatorio cronico della prostata con presenza di un basso numero di leucociti nel secreto prostatico, nell'urina o nello sperma dopo massaggio prostatico. Presenta una sintomatologia simile a quella osservata nella categoria II in assenza di una dimostrata infezione batterica.

Categoria IV (Prostatite infiammatoria asintomatica, AIP)
Presenza di leucociti e/o batteri nel secreto prostatico, nell'urina e nello sperma dopo massaggio prostatico. Asintomatica.

Le categorie I e II comprendono circa il 5% delle prostatiti, e rispondono solitamente al trattamento antibiotico.
La categoria III, il che pone in molti casi un problema terapeutico,include la maggior parte delle prostatiti.
Non è semplice stimare la prevalenza delle prostatiti. Nel 1991, negli USA sono state eseguite 13 milioni di visite urologiche e nel 5.3% dei casi è stata posta una diagnosi di prostatite.
In altri studi la prevalenza dei disturbi infiammatori della prostata oscilla tra il 5 e l'11%, a seconda dell'età e della rappresentatività del campione. E' certo che, in seguito ad un primo episodio di prostatite, la probabilità di episodi successivi è elevata, oscillando tra il 20% e 50%, al crescere dell'età dei pazienti .
In Europa, la prevalenza stimata delle CPPS è pari all' 11%.
In Italia raggiunge il 13.5%

Queste forme possono tra loro interscambiarsi durante  la vita di un individuo e confondere ulteriormente il problema diagnostico.
Analizziamone una per una e vedete se vi ci identificate in uno di questi quadri. Ciascun quadro ovviamente avrà un atteggiamento terapeutico differente.


 
 
UROLOGI IN ASCOLTO

SERVIZIO DELLA BREASRL  PER TUTTI I PAZIENTI
CON PROBLEMATICHE UROLOGICHE
Consulta
gratuitamente e senza impegno i nostri SPECIALISTI disponibili
on line 24 ore su 24 per ottenere qualsiasi
informazione sulla tua patologia
ed ogni chiarimento sui prodotti fitoterapici ed il loro utilizzo.
CLICCA QUI



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu